Borse post-dottorato 2014-2015 - Confalonieri

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

 

Bandi di concorso

 


 

                                                        CONCORSO------------   ----------------------  
                                                                                                    
Scarica bando

Compila il modulo della domanda


 




CONCORSO A OTTO BORSE  PER RICERCA  POST-DOTTORALE DA
SVOLGERSI  PRESSO UNIVERSITA’ MILANESI

2018-2019


La Fondazione Fratelli Confalonieri bandisce per l'anno accademico 2018-2019 un concorso a otto
borse per ricerca post-dottorale di importo corrispondente a quello di un assegno di ricerca erogato dall’Università degli Studi di Milano pari  a  € 21.000,00 lordo per ciascuna borsa.
Le borse sono erogate con l’obiettivo di sostenere giovani dottori di ricerca intenzionati a completare il proprio percorso di ricerca attraverso il conseguimento di un prodotto finale di tale ricerca.

Art. 1

La borsa è destinata a dottori di ricerca che abbiano conseguito la laurea o il dottorato di ricerca in un ateneo milanese e abbiano conseguito il dottorato di ricerca fra il 14 novembre 2016 e il 14 novembre 2018 ed intendano proseguire la ricerca nell'ambito di un istituto, centro, dipartimento o progetto di ricerca di un Ateneo milanese, per la durata di dodici mesi.

Art. 2

Non potranno beneficiare delle borse qui bandite coloro che per il medesimo periodo di assegnazione della borsa siano già assegnatari di borse di studio erogate da altri Enti, di assegni di ricerca, o di altri benefici economici o di redditi incompatibili secondo le norme vigenti per la concessione degli assegni di ricerca  assegnati dall’Università degli Studi di Milano. Tale requisito dovrà essere autodichiarato dal candidato (v. infra, art. 4, lett. h).
Il godimento della borsa comporta l’impegno del vincitore a dedicarsi con pieno impegno allo svolgimento delle attività di ricerca assegnate.
E' consentito ai vincitori, previa autorizzazione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, rilasciata solo in presenza del parere favorevole del Consiglio di Dipartimento cui afferisce il docente tutor del vincitore interessato, l'esercizio di altre attività compatibili.

Art. 3

Le borse saranno erogate col seguente criterio:

- n. 2 borsa per il seguente gruppo di materie: Matematica, Statistica, Ingegneria, Architettura, Design, Astronomia, Geodesia, Geofisica e applicazioni, Fisica, Chimica e Applicazioni, Geologia, Paleontologia, Mineralogia e applicazioni;

- n. 2 borsa per il seguente gruppo di materie: Scienze Biologiche e applicazioni, Medicina, Chirurgia, Veterinaria, Scienza degli Alimenti, Farmacologia, Psicologia;

- n. 2 borsa per il seguente gruppo di materie: Scienze dell'antichità, filologico-letterarie, storico-artistiche, storiche, filosofiche, pedagogiche, Geografia storica e antropica;

- n. 2 borsa per il seguente gruppo di materie: Scienze Giuridiche, Scienze Sociali e Politiche, Economia.

 

 

 

L'afferenza delle domande dei candidati all'uno o all'altro gruppo di materie sarà stabilita, con scelta insindacabile, dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione.

In caso di candidature inadeguate per un gruppo di materie, le rispettive borse potranno essere assegnate a candidati degli altri gruppi di materie con scelta insindacabile dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione.


Art. 4

La domanda di partecipazione deve essere compilata esclusivamente on line utilizzando il modulo disponibile al seguente link

www.fondazionefratelliconfalonieri.it/domandapostdoc/index.html

Gli allegati alla domanda, di seguito elencati, dovranno essere consegnati o spediti alla Fondazione con le modalità di cui al successivo art. 6 in busta chiusa con l'indicazione del proprio nome e cognome e del bando di partecipazione ("POST DOTTORATO").

 

 

 

Allegati alla domanda:
a) fotocopia della carta di identità e del codice fiscale.
b) certificato di laurea con voti ottenuti nei singoli esami;
c) certificato di dottorato di ricerca o dichiarazione equipollente del coordinatore del corso di dottorato;
d)
curriculum vitae;
e) tesi di dottorato in formato digitale salvata su pen drive o CD;
f) progetto di ricerca in italiano o in inglese, in quest'ultimo caso accompagnato da un abstract in italiano. Il progetto deve contenere una specifica e dettagliata indicazione – a pena di inammissibilità della domanda – del prodotto finale della ricerca che il candidato intende conseguire, il quale potrà essere costituito, a mero titolo di esempio, da una monografia o da altra pubblicazione scientifica; dal deposito di un brevetto, etc. L'intero documento non deve superare le 4000 parole, eventuale bibliografia esclusa;
g) dichiarazione di un docente titolare di insegnamento in una Università milanese e attivo nella ricerca nell’ultimo quinquennio, che presenti il candidato, valuti il merito del suo programma e si impegni a seguirlo come tutor;
h) dichiarazione del candidato di non fruire di altri finanziamenti, come indicati al precedente art. 2 oppure di rinunciarvi in caso di ottenimento della borsa;
i) eventuali pubblicazioni scientifiche del candidato;
j) eventuali altri documenti che il candidato ritenga utili (attestati, lettere di referenza, certificati, documentazione relativa a soggiorni di studio all’estero, etc.).


In luogo dei certificati sopra indicati, potrà essere prodotta un'autocertificazione. In questo caso, i candidati che risulteranno vincitori di una borsa saranno tenuti a consegnare unitamente alla dichiarazione di accettazione delle borsa i certificati in originale in bollo o in carta libera ai sensi dell'art. 11, comma 2, d.P.R. n. 642, del 1972, recante "Disciplina dell'imposta di bollo".

La documentazione consegnata alla Fondazione F.lli Confalonieri non verrà restituita ad eccezione dell'eventuale pen drive che potrà essere ritirata secondo le modalità che verranno successivamente comunicate.

 

 

 

 

 

Art. 5

Non possono partecipare ai bandi per il conferimento delle borse coloro che abbiano un grado di parentela o affinità fino al quarto grado compreso con un componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione.

Art. 6

La domanda di partecipazione deve essere compilata esclusivamente  on line entro il 14 novembre 2018. Entro la stessa data dovranno, altresì, essere spediti o consegnati i relativi allegati (elencati nel precedente articolo 4) alla FONDAZIONE F.LLI CONFALONIERI via Vincenzo Monti, 25 - 20123 Milano, come segue:

  • consegnati a mano presso gli uffici della Fondazione nei giorni di lunedì e mercoledì nel seguente orario: 9-12.30, venerdì dalle 10.30 alle 12.30;

  • consegnati a mano presso la portineria di Via Vincenzo Monti 25 dal lunedì al venerdì nei seguenti orari: 8.30-12.30; 14.00-17.00;

  • inviati via posta con lettera raccomandata (per le domande inviate via posta e pervenute oltre la data sopra indicata farà fede il timbro postale);


Art. 7

La Commissione giudicatrice è composta di almeno tre membri nominati dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione e potrà articolarsi in sottocommissioni per i gruppi di materie sopra indicati, e avvalersi di altri esperti.
 I soli candidati ritenuti idonei sulla base della documentazione presentata saranno convocati per un colloquio che, a scelta della Commissione, potrà svolgersi anche in via telematica.
 La Commissione delibera circa gli assegnatari delle borse a proprio insindacabile giudizio e la relativa graduatoria è inappellabile.
A parità di merito costituisce titolo preferenziale la disagiata condizione economica, comprovata a sulla base dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.), di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 109, modificato con decreto legislativo 3 maggio 2000, n. 130, relativamente ai redditi e alla situazione patrimoniale dell’anno precedente. A tal proposito è facoltà dei candidati presentare idonea documentazione attestante il proprio indicatore I.S.E.E.

Art. 8

L’elenco dei vincitori sarà reso noto mediante pubblicazione sul sito www.fondazionefratelliconfalonieri.it.
I candidati risultati vincitori, qualora già svolgano altra attività, dovranno tempestivamente inviare alla Fondazione, a pena di decadenza, il parere e la richiesta di autorizzazione, ai sensi ai sensi di quanto previsto dal precedente art. 2.

Art. 9

Le borse di studio verranno erogate in cinque rate:

  • 1. la prima rata dell'importo di € 4.750,00, relativa al trimestre 1 aprile 2019-30 giugno 2019, sarà erogata entro il mese di luglio 2019, previa presentazione, entro il 1° giugno 2019, di una relazione del tutor da cui risulti che l'assegnatario ha proficuamente iniziato lo svolgimento del progetto di ricerca;
  • 2. la seconda rata, dell'importo di € 4.750,00, relativa al trimestre 1 luglio 2019-30 settembre 2019, sarà erogata entro il mese di ottobre 2019, previa presentazione, entro il 30 settembre 2019, di una relazione del tutor da cui risulti l'attività di ricerca fino a quel momento svolta dall'assegnatario della borsa; in tale relazione il tutor dovrà esprimere una valutazione circa la probabilità di conseguimento del prodotto finale della ricerca, come indicato al precedente art. 4, lett. f); qualora la valutazione sia positiva, ma l'assegnatario della borsa non consegua tale prodotto nel termine indicato al successivo punto 5, il docente dichiarante salvo giustificati motivi non potrà figurare come tutor di altri candidati a borse, di qualsiasi tipo, della Fondazione, per i cinque anni successivi alla scadenza del presente Bando;
  • 3. la terza rata dell'importo di € 4.750,00, relativa al trimestre 1 ottobre 2019-31 dicembre 2019, sarà erogata entro il mese di gennaio 2020;
  • 4. la quarta rata, dell'importo di € 4.750,00, relativa al trimestre 1 gennaio 2020-31 marzo 2020, sarà erogata entro il mese di aprile 2020;
  • 5. la quinta rata, dell'importo di € 2.000,00 sarà erogata solo in caso di effettivo conseguimento del prodotto finale della ricerca entro e non oltre il 30 settembre 2020, da comprovare mediante adeguata documentazione.


Art. 10

In caso di conseguimento del prodotto finale della ricerca ai sensi del precedente art. 9, punto 5, l’assegnatario della borsa potrà richiedere alla Fondazione un ulteriore contributo a copertura delle eventuali spese connesse, effettuate o preventivate (come, a mero titolo di esempio, spese di pubblicazione di monografia o di deposito di brevetto), e che dovranno essere adeguatamente documentate.
Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione, valutata la qualità del prodotto finale della ricerca, si riserva di concedere tale contributo fino ad un importo massimo di € 2.000.

Art. 11

Gli assegnatari delle borse sono tenuti a farne menzione esplicita in tutte le pubblicazioni a stampa e on-line relative alle ricerche compiute nel periodo di godimento della borsa, anche se successivamente completate.
 L’elenco di tali pubblicazioni, nonché una breve illustrazione, in lingua italiana e in lingua inglese, del prodotto finale della ricerca dovranno essere trasmessi alla Fondazione F.lli Confalonieri al fine della loro pubblicazione sul sito della Fondazione stessa.

Art. 12

Qualora l’assegnatario della borsa non presenti le relazioni o la documentazione di cui all’art. 9 nei termini ivi previsti, o l’attività svolta, da esse risultante, sia ritenuta inadeguata dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione, il predetto Consiglio potrà deliberare l’interruzione dell’erogazione della borsa.
 Qualora l’assegnatario della borsa commetta gravi violazioni degli adempimenti previsti nel presente Bando o nel Regolamento delle borse della Fondazione, o degli altri obblighi derivanti dalla sua qualità di titolare di una borsa di ricerca postdottorale, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione potrà revocare la borsa assegnata ed esigere il rimborso delle somme corrisposte al lordo delle ritenute fiscali versate all’Erario per conto del percipiente.

 

Per maggiori informazioni è possibile chiamare gli uffici della Fondazione nei giorni di lunedì e mercoledì mattina 9-12.30, tel. 02-4989579, oppure scrivere una email all’indirizzo info@fondazionefratelliconfalonieri.it

Milano, 26 settembre 2018


     
                                                               IL CONSIGLIO D’AMMINISTRAZIONE




                                                                               































 
Torna ai contenuti | Torna al menu